Articoli

In Progress

VISIONARY ART SHOW 

Contemporary Art Fair & Spectacle

Regia/Curatore:

DoresSacquegna

Luogo/Date

PALAZZO CASTROMEDIANO VERNAZZA

Vico Vernazza 8 (Piazza Pellegrino) Lecce

Dal 14 al 28 Maggio 2017

Inaugurazione 14 Maggio ore 18:00

Giorni/Orari

Tutti i giorni: 16,00-20,00h

Comunicato Stampa:

Diversi i linguaggi, le tecniche e le caratteristiche stilistiche di ciascuno, come in un’antica e sacra Babele. La differenza non impedì loro di convivere e l’opportunità divenne condivisione. L’esperienza fu crescita e l’espressione artistica, il linguaggio scelto per creare le opere visionarie in mostra dal 14 al 28 Maggio 2017. 

Ideata e firmata da DoresSacquegna - artista, curatrice e Art Director di Primo Piano LivinGallery| Progetti & Servizi per l’Arte Contemporanea.  Questo evento visionario ed esclusivo  è alla sua prima edizione e mira a diventare un format  da esportare come “travellingexhibition” in varie parti del mondo. Il programma di Visionary Art Show è diviso nelle seguenti sessioni: Educational Programs (Talk show, Premio alla carriera Tableaux Vivant, Sound Islands, Masterpieces); Le Stanze di Iside; Open Space;Screening Room; 3D Project Room. 

Dal 15 e sino al 28 Maggio un programma di PERFORMANCEvisuali, interattive e sonorecon i seguenti artisti: la flautista salentina Giorgia Santoro con “DejaVù”,  il duetto di artisti e cabarettisti francesiSandra Detourbet&Nicolas Gasiorowski con “LesCharlowski& BB Blue” il collettivo berlinese EphemeralTomorrow composto dall’artista italiano Riccardo Torresi, dall’artista francese Maxime Lethelier, dalla musicista e compositrice giapponese AsakoFujimoto, dall’architetto e urbanista italiano Andrea Cucinotta, con l’installazione interattiva e performativa “Satellarium”.

Nella sessione MASTERPIECES, in mostra le video animazioni di alcuni dei migliori video artisti della scena contemporanea internazionale, le cui opere di video arte sono ispirate ai capolavori del passato e del mito. In mostra con “Inverso Mundus” il collettivo moscovita degli Aes+F Group, con “Metamembrana&Hypermembrana” l’artista e performer spagnolo Marcel.li Antunez Roca, con “Thisisnot a horror movie”, la video artista italiana Silvia De Gennaro, con “Paradise”, il collettivo olandese Studio Smack.

Come omaggio al sito rituale della Dea Iside - locato nei sotterranei di Palazzo Vernazza –la sezione ISIDE’S ROOM composta da nove sale intitolate ai sinonimi della dea eche ospiteranno opere di pittura, fotografia, mixed media e installazioni dei seguenti artisti-sognatori: il duo franceseSandra Detourbet& Nicolas Gasiorowskicon “Risveglio”, il russo Kostya August con “Terra”, la tedesca Eva Koethen con “Kairos”, l’inglese Andrea Vargas con “Orizzonte”, l’egiziana RashaAmin con “Utero”, la greca Maria Pesmacon “Rituali” e gli italiani Salvatore Sava con “Metamorfosi”, Renato Tagliabue con “ Mistero” e infine Maurizio Giarnetti con “Cielo”.

A seguire nella sezione OPEN SPACE, le installazioni e le opere di artisti locali, nazionali e internazionali: dal Puerto Rico, Rosa Cruz, dalla Grecia PolyxeneKasda, DimitrisStrouzakis, George Syrakis, dalla Germania Stefan Havadi-Nagy, Fides Linien, Tom Schlaiss, ChristelSobke, dal Messico Teresa Olabuenaga, dalla Russia Alexandr Minaev, Andrea Vargas, dall’Olanda RienVörgers, dall’Australia Nel TenWolde e dall’Italia Giovanni Alfonsetti, Sauro Cavallini, Pierluca Cetera, D&S, Fernando De Filippi, Pina Della Rossa, Cristiano De Gaetano & Stefania Pellegrini, Angioletta De Nitto, Maria Luisa Imperiali, Giovanni Lamorgese, Dario Manco, Massimiliano Manieri & Pablo Peron, RosemarieSansonetti, Fabrizio Santona, Maria A. Scaringella, Roberto Tondi. 

La sezione SCREENING ROOM ospita una selezione di video art incentrata su spazi fisici e immaginari, che diventano tracce di un vissuto multiculturale nel video “Miranda” e “Ocupante” dell’artista peruviana GrimanesaAmoros;  una indagine che rivela l’aspetto femminile nella guerra tra Iran e Iraq nel toccante documentario “ Ascending Voices” della regista iraniana Sofi Basseghi, che racconta i contrasti e le contraddizioni all’interno del teocratico governo iraniano. Il viaggio continua con la video animazione “Home” dell’italiana Silvia De Gennaro. Il video racconta l’odissea di un giovane siriano in fuga dagli orrori della guerra e il dramma dei profughi che, in luogo della sospirata accoglienza, trovano in Europa barriere e fili spinati. La parola “Home” si ripete come un mantra insieme ai passi inesorabili del protagonista, è il suono del suo bisogno e della nostra colpa.

Non poteva mancare la sezione 3D PROJECT ROOM che andrà in onda il 14 Maggio e ospita un tour virtuale sulle opere di artisti nazionali e internazionali di cui: dall’Ungheria, Erika Erdész, dall’Olanda CorFafiani, dalla Russia, Anastasia Antonova(alias Lea Daniel) e VitalyMaximenko, dagli Usa, Jaja Dario e Christine Palamidessi,  dall’Italia Massimiliano Manieri&Pablo Peron, dal Canada Monte Wright

 



Percorso